24 marzo

+ Dal Vangelo secondo Luca (13,1-9)

In quel tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».
Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: “Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Tàglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?”. Ma quello gli rispose: “Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai”».

55485152_10218180861663268_8922585371057848320_o

La vignetta è un dono di www.gioba.it

logo striscia

24 marzo foto«Vedremo se porterà frutti per l’avvenire»

Gesù paragona la nostra vita a quella del fico: a volte portiamo buoni frutti, altre volte non ne portiamo affatto, ma Dio ha fiducia in noi e continua a sperare. Una pianta, per crescere, ha bisogno dell’acqua, del sole, del terreno buono, del concime, di potature, di tempo e pazienza. La mano di Dio non semina morte, non spreca la sua potenza in castighi: smettila di immaginare l’esistenza di Dio come un’aula di tribunale. Anche noi abbiamo bisogno di cura e Gesù è il nostro contadino. Lasciati curare da Gesù! Per curarsi serve la medicina giusta! Una compressa di “Vangelo” al giorno… toglie il diavolo di torno! È inutile dividere il mondo in buoni e cattivi, è tutto un mondo che non va: combatti la disonestà con la giustizia, la violenza con l’amore, la prepotenza con la generosità! Il Vangelo è tutto qui!

Gioca in anticipo, sempre! Il tempo di Dio è l’anticipo!
Il suo è un amore che previene, la sua misericordia anticipa il pentimento.
Ama per primo, ama in perdita, ama senza condizioni.
La sua fiducia ti spinge in avanti, verso una vita completamente rinnovata.
E vedrai che porterai frutto per l’avvenire!

E così… sarai il più fico di tutti!

Commento a cura di Rosanna Borzillo e Elena Scarici, redazione del settimanale diocesano Nuova Stagione – Napoli

cropped-logo-gm-per-app.png

Puoi condividere il Vangelo e la meditazione di oggi sui tuoi social utilizzando i pulsanti che trovi qui sotto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: