Commento al Vangelo di mercoledì 18 marzo 2020


Dal Vangelo secondo Matteo (5,17-19)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento. In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto.
Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli».

«Non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento»

Gesù non è venuto ad abolire i comandamenti dati a Mosè, così come descritto nell’Antico Testamento e, in particolare, nel libro dell’Esodo. Non può avere rilievo solo l’osservanza della disciplina e la condotta esteriore, ma occorre andare alla radice stessa della Legge senza mai dimenticare che Dio va al cuore dell’uomo, la fonte di ogni sua azione buona o cattiva. Non bastano le norme giuridiche, applicate alla lettera, per dirsi buoni cristiani. Dio è amore che pretende l’amore e non una semplice obbedienza alle sue leggi. È l’amore che spinge ad accogliere i comandamenti, non la paura o una comune osservanza esteriore, costruita sul “così mi hanno insegnato” o sul “si è fatto sempre così”. D’altra parte, San Marco ci racconta come, un giorno, uno scriba chiese a Gesù quale fosse il primo comandamento. E Gesù rispose: «“Ascolta, Israele: Il Signore Dio nostro è l’unico Signore”, e “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Questo è il primo comandamento. E il secondo è simile a questo: “Ama il tuo prossimo come te stesso”» (Mc 12, 29-31). Diventerà un uomo buono il bambino che ascolta i genitori per paura o il bambino che ne segue gli insegnamenti perché sa di essere amato e che la mamma e il papà vogliono solo il suo bene?

Puoi condividere il Vangelo e la meditazione di oggi sui tuoi social utilizzando i pulsanti che trovi qui sotto

Autore dell'articolo: GM Pompei

Dicci la tua!