La bestemmia di cui parla il Vangelo è riferita al fatto che Gesù si definisce il Cristo e Figlio di Dio. Se ci pensiamo, Lui è morto per questa bestemmia e essa è il centro della fede cristiana. Noi siamo molto abituati a dire che Gesù è Cristo e Figlio di Dio. Ma provate a pensare se venisse adesso qui e dicesse che è il Cristo, che è il Figlio di Dio. Quale sarebbe la nostra reazione? Forse ci scandalizzeremmo come i giudei del tempo!

Il punto allora è l’immagine di Dio che noi abbiamo in mente. Gesù è morto per cambiarci l’idea di Cristo e di Dio.

“La croce è la distanza infinita che Dio ha posto tra se stesso e l’idolo” (cf. Bonhoeffer) e noi abbiamo infiniti idoli, infinite immagini di Dio e la croce è la messa in crisi da tutte le false idee di Dio: un Dio giudice, che domina, antagonista dell’uomo, che toglie la libertà. Il crocifisso invece è un Dio condannato, umile, povero, che porta su di sé il male e ama senza misura. E questa è la Gloria, la rilevazione di Dio: quest’uomo crocifisso è Dio!

God Morning a tutti!!!

A cura di don Mariano Amato
(Direttore Pastorale Giovanile di Nola )

 

 

 

 

 

 

 

Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.gmpompei.it/quaresima2017/commento-di-venerdi-7-aprile/
Instagram