“Io Sono” richiama il nome che Dio rivelò a Mosè. E’ il nome del Dio liberatore. Dove conosciamo questo Dio? Nel Figlio innalzato sulla croce. E’ lì che Dio ci guarisce da tutte le false immagini che abbiamo di Lui e ci mostra il suo vero volto: quello di un Padre che ha scelto di amarci fino alla fine.

Dio è colui che svuota la Sua divinità per salvarci, che annulla tutte le distanze per poterci cercare nell’abisso più profondo delle nostre fragilità per rimetterci in cammino, per riportarci a casa, perché per Dio siamo unici, siamo prediletti.  Nelle prove piccole o grandi Lui è lì con noi, si fa vicino nella nostra debolezza, non ci giudica e non ci condanna.

E’ un Padre che ci ha pensati e amati da sempre, che ci vuole così come siamo, che ha creato tutto per noi, che ci perdona, che non ci chiede la nostra vita, ma che ci dona la Sua; è un Dio che mette al centro l’uomo, un Dio ricco di misericordia.

E’ un Dio che ci dice “Io ci sono per te, io ci sono per voi”. In questo tempo quaresimale guarda la tua vita, le tue mancanze, le tue ferite e ricorda che “Io sono” ti viene incontro per donarti tutto il suo amore, a te chiede solo di abbandonarti e accogliere questo grande dono.

GOD morning a tutti!!!

A cura di suor Carmela Ester Dinuzzi
(Francescane alcantarine, Nola)

 

 

 

 

 

Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.gmpompei.it/quaresima2017/commento-di-martedi-4-aprile/
Instagram