“Ma io vi dico: Elia è già venuto e non l’hanno riconosciuto”

Noi siamo sempre in cerca di qualcuno che si prenda cura di noi o che ci dia un po’ di attenzione ma poi non ci rendiamo conto che, lo sguardo che desideriamo, l’attenzione di cui abbiamo bisogno, l’amore che andiamo ad elemosinare di qua e di la, solo il Signore può donarcelo.

Siamo così accecati dalle nostre miserie che non ci accorgiamo delle continue venute di Gesù nella nostra quotidianità.
Provate ad immaginare: è stato il Signore stesso a tesserci nel grembo delle nostre mamme, è stato presente quando abbiamo compiuto i nostri primi passi, gioisce e piange insieme a noi, ci sostiene in ogni nostra scelta ed è il nostro più grande tifoso eppure noi non ci accorgiamo di Lui anzi preferiamo fingere che Lui non ci sia.

Allora il Signore con queste poche parole ci richiama a desiderare una fede che ci faccia meravigliare delle continue venute di Cristo nella nostra vita, una fede che ci apra il cuore per accogliere le sorprese dello Spirito Santo nonostante le nostre povertà e miserie.
Allora,forza! Facciamo in modo che la nostra vita sia un’attesa continua delle tante infinite venute di Gesù, perché il Signore desidera solo nascere ogni giorno nel nostro cuore come nacque quella notte di molti anni fa nella grotta di Betlemme.

a cura di Annacarmela Imparato, Rinnovamento nello Spirito – Nola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.gmpompei.it/avvento2017/commento-di-sabato-16-dicembre-2017/
Instagram
Categorie: 2017-Avvento