“Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita?”

Che bello leggere queste parole, quanto amore racchiuso in una scelta che forse a prima vista potrebbe sembrare assurda: rischiare ben novantanove pecore per trovarne una soltanto. Sarebbe più semplice continuare il cammino sperando che prima o poi quella pecora ritorni al gregge… ma un Padre non agisce così, ama ogni singola pecora del suo gregge di un amore smisurato, un amore disposto a correre rischi, disposto anche a perdere pur di continuare ad amare.

Leggendo questo passo non posso non pensare all’amore di un genitore, alla sofferenza che deriva da scelte difficili e alla condizione di figlio, quella condizione che ci porta a sentirci spesso piccoli, incompresi, smarriti. Quante volte ci siamo sentiti abbandonati, siamo stati come quella piccola pecora smarrita, senza meta, nel buio della nostra solitudine o difficoltà. Oggi vogliamo riscoprire questa meravigliosa Verità: non siamo soli, non siamo perduti… non lo siamo mai stati in realtà. C’è un Padre che ci cerca costantemente, anche nel momento più buio c’è sempre una piccola luce in grado di rischiarare la nostra vita, dobbiamo solo fidarci, affidarci ad un Padre buono che rischia tutto pur di amare ciascuno dei suoi figli.

Lasciamoci amare, senza alcuna paura.

 

a cura di Rosalba Pinto, Comunità missionaria di Villaregia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.gmpompei.it/avvento2017/commento-di-martedi-12-dicembre-2017/
Instagram
Categorie: 2017-Avvento