ASCOLTA L’AUDIO

Vangelo (Lc 1,57-66)
In quei giorni, per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.

Commento (a cura di Suor Mariangela Tassielli)

La gratitudine, come sempre dovrebbe essere, si fa comunicazione: Elisabetta, madre di Giovanni, non dimentica l’opera di Dio, non dà per scontato le meraviglie che il Signore ha compiuto in lei.

Elisabetta vede nel bambino la manifestazione di quel Dio misericordioso in cui aveva imparato a credere e che aveva imparato a pregare.

Il bambino-Giovanni è comunicazione silenziosa del Dio-madre che non dimentica i suoi figli, che ascolta e rende fecondo tutto ciò che è sterile.

E il suo nome, Giovanni, prima ancora che la sua voce di profeta-precursore, fa risuonare questa certezza nei deserti dell’anima, nelle steppe brulle delle nostre delusioni.

Giovanni è il suo nome; ed è detto anche a noi, anche oggi: «Dio opera con misericordia».

Ma non basta ascoltarlo dagli altri. Perché questo annuncio continui a operare meraviglie in noi, dobbiamo crederci, aderirvi con determinazione, anche in momenti difficili. Con coraggio, come Zaccaria, dobbiamo prendere una tavoletta e scrivere: Giovanni è il suo nome, come a dire: «Io credo: Dio, anche oggi, sarà fedele».

Come per incanto allora la nostra lingua si scioglierà… le nostre durezze, i mille dubbi dietro l’angolo o nella testa, le ferite del cuore: gli occhi vedranno e la bocca parlerà.

Veglia il cuore, sveglia la vita!

Buona giornata!

Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.gmpompei.it/avvento2016/telegravv-commento-sul-vangelo-del-23-12-2016/
Instagram
Categorie: 2016-Avvento